Antenna verticale per 160 metri


Questa antenna è alta m 27,60 e richiede un piano di terra costituito da una cinquantina di radiali lunghi circa 40 metri, stesi a raggiera attorno alla base. Non è molto comoda, si usa solo in trasmissione e quando tira vento possono insorgere gravi problemi, ma in compenso nel pile-up è un' arma vincente.



Occorre una base molto robusta, questa è costruita con un piano imbullonato a quattro picchetti zincati piantati per circa un metro. Sotto alcune pietre servono ad evitare che col terreno allentato dalla pioggia l' antenna si abbassi, nel qual caso si allenterebbero i tiranti e ci sarebbe rischio di crollo.



L' antenna è alta 27,60 metri, che naturalmente non è la lunghezza intera. Per non caricarla con una bobina alla base, che indurrebbe una certa perdita, viene usato un carico lineare. In pratica sono i due "bastoni" verticali posti a fianco dell' antenna vera e propria, che hanno quasi in cima un ponticello destinato a metterli in contatto. Alla base l' antenna viene accordata con un circuito a L per i 160 metri, e un altro per gli 80 commutati con un relè. Ovviamente è possibile usarla solo in 160 risparmiando il relè e il relativo circuito. Nello schema qui sotto si vede l' antenna disegnata sotto forma di traliccio con il carico lineare a fianco, questo in 160 metri viene posto in serie all' antenna, mentre in 80 è bypassato. Il valore di L1 è da trovare facendo alcune prove, in pratica occorre mettersi alla base dell' antenna con un rosmetro e "pizzicare" la bobina fino a trovare il livello minimo di stazionarie; si può partire avvolgendo una dozzina di spire in un supporto di circa 10 cm di diametro, occorre avere cura di tendere bene il filo perchè è necessaria la massima stabilità. Per la capacità C1 conviene mettere in parallelo un condensatore fisso da 1000 pF e uno variabile dello stesso valore, poi una volta trovato l' accordo si può togliere il variabile e sostituirlo con una capacità fissa di pari valore.



L' antenna non può essere usata efficacemente anche per ascoltare dato che in 160 metri il rumore è troppo alto. Se proprio non ci sono alternative occorre attenuare pesantemente, ma qualsiasi altra antenna in ricezione è migliore. Un dipolo intero, una rete di beverages, una EWE o una K9AY sono valide soluzioni.

Qui si possono vedere i componenti di un circuito a L:



e qui il circuito assemblato su una piastra di alluminio per prova:



Il variabile è russo, comprato a Friedrichshafen, da 40/1080 pF e l' induttanza è di rame argentato da 2,5 mm montata su un supporto di plexiglas che tiene le spire alla giusta distanza.

Questa è la verticale appena montata di un gruppo da contest in cima a una collina:



Ecco la base di una verticale per gli 80 metri:



Questa antenna è imperniata alla base in modo da poterla alzare con relativa facilità. Volendo è possibile alimentarla mettendo una bobina di carico in serie per poterla usare anche in 160 metri; è una soluzione più economica della precedente, ma di minor rendimento. Si noti il picchetto a forma di Y con un perno trasversale che regge uno spezzone di tubo in ferro sul quale è inserito un isolatore di nylon tornito in modo da adattarsi al primo segmento di antenna, che è in pratica una verga di 6 metri da un pollice e mezzo. Sotto c'è una flangia collegata alla massa del cavo coassiale con un filo, a questa sono fissati con dei capicorda i radiali, appoggiati a terra e perciò non risonanti ma in numero abbondante.

Infine ecco gli ancoraggi: si tratta di tondino di PVC tagliato a fette di 3 o 4 centimetri con 5 fori attraverso i quali si fa passare il bayco in modo che sia la stessa trazione a bloccarlo come in un nodo scorsoio.



Buon DX'ing e buon divertimento.

Torna alla home page